Solitudine riflessa

Arrecife: El Charco de San Gines

Arrecife, laguna del Charco de San Gines. Le piccole barche sono ancorate per la notte e si riflettono mentre ondeggiano per la corrente dovuta ad altre piccole imbarcazioni che vengono portate qui per essere “parcheggiate” in attesa di uscire di nuovo al ritorno del sole.
I riflessi delle barche sull’acqua sfilano uno accanto all’altro, si rompono al primo alito di vento per ricomporsi appena l’acqua torna ad essere calma e piatta. I passanti abituali ormai sanno e sono assuefatti dalla calma del Charco, i turisti ne restano attirati ed affascinati e molti cercano una foto (quasi) ferma da portarsi a casa come ricordo di questo luogo

In mezzo al cemento

La Valletta: giardino

Malta, passeggiando per La Valletta. Passeggiando per Upper Barraka Gardens basta poco per accorgersi di un piccolo alberello che cresce nel mezzo del cemento dei viali di questo giardino. Un piccolo albero che ammorbidisce l’aspetto duro di questi giardini dovuto alla scelta di cementare i vialetti. Il blu dell’acqua del grande porto di Valletta rende il tutto ancora più colorito, morbido e colorato, facendo salire la voglia di restare lì a guardarsi intorno ed a godersi la vista.

Forza della natura

Castello Nymphenburg: i giardini

Castello del Nymphenburg, Monaco di Baviera. Prendi un castello da diporto di un’antica monarchia, metti insieme un enorme parco che lo circonda e condisci con canali e cascatelle a colorare il tutto. Un parco immenso che, per la sua grandezza, risulta molto silenzioso (anche se molto popolato). Così anche una piccola cascatella riesce a risuonare e rimbombare nell’immensità del giardino, attirando così visitatori e corridori incuriositi. La natura ha sempre sorprese nascoste, assi nella manica che sanno come sopraffare l’uomo, la sua mente e le sue creazioni.

Tramonto maltese

Sliema: tramonto sul mare

Metti una sera, la prima, a Malta. Aggiungi una passeggiata a Sliema, palazzi e gru in lontananza. E condisci il tutto con un tramonto che colora di rosso tutto ciò che riesce. Il sole che scende dietro i palazzi, ma che rimane ancora visibile e scattando una foto si riesce a catturare un momento da ricordare

Uno sguardo sul mondo

Südlicher Friedhof

Südlicher Friedhof, cimitero monumentale di Monaco di Baviera. I cimiteri monumentali nascondono sempre qualche sorpresa, qualche opera che lascia il visitatore a bocca aperta, che spinge chi passa per i suoi vialetti a fermarsi per pensare ed osservare, per porsi delle domande e sospendere il tempo per qualche minuto.
A Monaco, tra le tante statue di questo cimitero, ho trovato questa: uno sguardo che sembra perso nel vuoto.. Ma forse no.. Uno sguardo forse pensieroso, che osserva il mondo circostante e che mi fa domandare “chissà a cosa starebbe pensando se, ipoteticamente, fosse una persona vera, in carne ed ossa, e non una statua sperduta in un cimitero monumentale di Monaco di Baviera”.

In lontananza, il castello

Castello Nymphenburg: i giardini

Castello del Nymphenburg, Monaco di Baviera. Un canale nell’immenso parco, due file di alberi ad incorniciarlo. Gli alberi che “si gettano” nel canale con i loro riflessi e insieme al canale portano lo sguardo dei visitatori verso l’edificio del castello: uno sguardo che, anche se “spinto e costretto”, ti lascia senza fiato e ti spinge a pensare ed a realizzare quanto la mente umana riesca a realizzare palazzi (e giardini) da rimanere a bocca aperta.

Cielo riflesso

Londra: "cielo riflesso"
I grattacieli hanno sempre qualcosa di particolare, qualcosa che colpisce. Un giorno “temo nuvoloso” di una vacanza a Londra, mentre giravo per la City, alzo gli occhi e vedo un grattacielo che riflette il cielo fino, in alcuni tratti, a confondersi con questo.  Uno spettacolo sicuramente non unico (chissà quante altre volte è successo e succederà), ma che lascia comunque stupiti gli “spettatori” (infatti c’era un bel gruppetto di turisti tutti a fotografare il grattacielo)